top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreGiulia M.

Sri Lanka in 10 giorni: un paese meraviglioso, pronto per essere scoperto

È andata più o meno così.

"Ragazzi, che ne dite di andare in Sri Lanka per dieci giorni durante le vacanze di Pasqua?". - Ho proposto.

"Sì, perché no?" - Hanno replicato Enrico e Valerio, parlando quasi a una sola voce.

Nel giro di una settimana avevamo prenotato i biglietti per Colombo.


I giorni trascorsi in Sri Lanka, una terra che si è rivelata presto meravigliosa, sono stati probabilmente tra i più belli che abbia vissuto negli ultimi anni. In questo post vorrei raccontarvi qualcosa di più, sperando di non dimenticare nulla.


Prima di entrare nel merito della storia, però, vorrei spendere un minuto per ricordare tutte le vittime del massacro di Pasqua nelle città e nei paesi di Colombo, Batticaloa, Dehiwala-Mount Lavinia, Negombo, Dematagoda e Kotahena. Le esplosioni sono avvenute mentre eravamo lì (solo un giorno dopo il nostro atterraggio). Nei giorni successivi, un clima di lutto e dolore ha avvolto completamente tutto il Paese. Abbiamo vissuto giorni molto intensi. Grazie all'ospitalità del popolo cingalese, però, siamo riusciti a goderci lo Sri Lanka al meglio. Un Paese ricco di storia, di luoghi incredibili e che consiglio davvero a tutti di visitare almeno una volta nella vita.


Adoro organizzare i viaggi e, ad essere sincera, credo di essere anche piuttosto brava. Enrico e Valerio mi hanno lasciato carta bianca sugli itinerari e sugli alberghi/pensioni da prenotare (grazie ragazzi!). Dopo aver portato loro alcune opzioni diverse e dopo aver valutato attentamente il clima abituale dell'isola in quel periodo (siamo andati dal 19 al 30 aprile 2019), abbiamo deciso di optare per un itinerario di quattro-cinque tappe (e per "tappe" intendo i luoghi in cui avremmo dormito), aggiungendo anche qualche momento di relax in spiaggia.


Ho prenotato con cura i nostri soggiorni per i primi sette giorni, lasciando gli ultimi tre giorni liberi per qualsiasi cosa avessimo voglia di fare al momento.


Quindi, tuffiamoci nel viaggio, mi premurerò di lasciare alla fine una mappa con tutte le tappe.


Siamo partiti dall'aeroporto di Milano Malpensa il 19 aprile, in direzione Colombo, con uno scalo intermedio a Doha. Abbiamo volato con Qatar Airways (super fancy!). Al nostro arrivo a Colombo, il driver Steve ci è venuto incontro e, sotto suo suggerimento, abbiamo preso i soldi dal bancomat e comprato una sim card da utilizzare per i giorni successivi. L'autista ci ha accompagnato per i primi quattro giorni, fino alla riconsegna ad Arugam Bay. Inizialmente, l'idea era di fare tutto il resto del percorso con i mezzi pubblici, ma a causa degli attentati abbiamo deciso - per motivi di sicurezza - di affidarci agli autisti per il resto della vacanza, tranne che per il viaggio in treno da Ella a Nuwara Eliya (di cui vi parlerò più avanti).

Un consiglio: la guida in Sri Lanka è assolutamente folle, l'unica regola esistente sembra essere quella di suonare il clacson appena prima di buttare la macchina in mezzo alla strada per sorpassare il veicolo davanti al vostro. Se non siete abituati a questo tipo di guida, vi consiglio vivamente di contattare un autista. Il nostro è stato fantastico e lo consigliamo vivamente!


Prima tappa: Sigirya Rock, Minneriya Park e Polonnaruwa

Nei primi tre giorni abbiamo deciso di visitare le città antiche e un parco nazionale. In particolare, abbiamo visitato l'imponente Roccia di Sigiriya, una roccia alta 370 metri da scalare che vi lascerà senza parole una volta arrivati in cima. Non abbiamo potuto visitare Anuradhapura, per una questione di tempo, quindi abbiamo deciso di dedicare una giornata alla visita delle rovine di Polonnaruwa. Questo parco archeologico contiene centinaia di rovine risalenti a otto secoli fa. Il sito è molto bello e la nostra guida ci ha aiutato dando le informazioni più rilevanti su ogni singolo sito che vale la pena visitare.



Abbiamo anche scelto di visitare il Parco nazionale di Minneriya, decisamente meno affollato del Parco nazionale di Yala, per avere la possibilità di vedere alcuni animali straordinari.

Suggerimento 1: Un ottimo posto per dormire nei dintorni delle città antiche è la città di Habarana. Abbiamo alloggiato in una splendida pensione, chiamata Bissa Villa, molto pulita e con piscina. I proprietari sono gentilissimi e la colazione fatta in casa è f-e-n-o-m-e-n-a-l-e. Con un tuk-tuk si può facilmente raggiungere il centro città per passeggiare e mangiare qualcosa.

Secondo consiglio: Per visitare i luoghi sacri è necessario coprirsi le spalle e le gambe. Vi consiglio di portare in borsa un telo per coprirvi quando necessario.


A questo punto, dopo l'attacco, abbiamo pensato molto a cosa fare e ne abbiamo discusso anche con la nostra guida.

La nostra decisione è stata quella di proseguire con l'itinerario previsto, cercando di essere il più prudenti possibile, evitando quindi lunghe soste sulla strada e luoghi affollati. Abbiamo pensato che il luogo meno sicuro al momento sarebbe stato l'aeroporto, quindi ce ne siamo tenuti alla larga.

Il giorno dell'attacco è stato seguito da 10 giorni di coprifuoco, che eravamo chiaramente tenuti a rispettare. Per questo abbiamo cercato di sfruttarlo al massimo ogni giorno, andando a letto presto la sera e alzandoci quasi all'alba.


Chiusa questa parentesi, proseguiamo con l'itinerario, che ci ha visti dirigerci verso il mare.


Ma prima, una menzione speciale a questi straordinari templi che abbiamo incontrato sulla strada da Habarana a Passikudah. Abbiamo dovuto fermare l'autista tante volte per fotografare questi splendidi edifici e lui è stato così gentile da darci delle spiegazioni su ciò che i nostri occhi stavano fissando.

Consiglio: se potete, fermatevi durante il tragitto per fare colazione/pranzo in un posto locale. Chiedete all'autista di portarvi in un posto dove va di solito, non in un posto turistico. Vi garantisco che sarà un'esperienza unica.

experience.


Seconda tappa: un salto nella spiaggia di Passikudah

Sì, ci siamo proprio viziati. È una cosa che cerco sempre di fare durante una vacanza lunga, soprattutto se so che il posto successivo sarebbe stato molto più scomodo. Mi piace mettere una piccola coccola nel mezzo del viaggio, solo per ricaricarmi e fare una bella doccia calda in un posto pulito e con letti favolosamente comodi, e in più i prezzi in Sri Lanka sono decisamente meno cari dell'Europa! Amaya Beach Passikudah è sicuramente uno dei resort più belli in cui sono stata. In quei giorni, però, era semivuoto. C'erano un po' di paura e di dolore nell'aria. Il resort era controllato notte e giorno dai militari. Abbiamo poi scoperto che il proprietario di quel resort era lo stesso di una delle strutture attaccate a Colombo, per questo in tutte le sue proprietà aveva attivato tali controlli. Comunque, questa per noi è stata una giornata di relax in un posto meraviglioso, rispetto ai giorni precedenti che erano stati pieni di camminate e di sudore (molto sudore, viste le temperature).


Terza tappa: l'incantevole Arugam Bay

Inutile dire che, tra tutti i posti, questo era il mio preferito. Ci aspettavamo vita notturna e feste in spiaggia. Chiaramente, non abbiamo trovato nulla di tutto ciò a causa del coprifuoco. Ma abbiamo trovato una meravigliosa casa di legno proprio sulla spiaggia quando siamo arrivati, pagata circa 4€ a notte a persona, il nome del posto è Beach Hut. Non molto pulita e con letti davvero scomodi. Eppure dormire lì è stata un'esperienza straordinaria.

Per tre giorni ci siamo rilassati tra cibo di strada super economico, surf e massaggi ayurvedici. Abbiamo noleggiato motorini per 5€ al giorno e siamo andati a esplorare le zone vicine.

Guardando la mia galleria fotografica, non ho trovato molte foto di questa particolare tappa, forse perché ero impegnata a rilassarmi.

Primo consiglio: non potete perdervi un trattamento ayurvedico se siete ad Arugam!

Secondo consiglio: se volete mangiare davvero bene in un bel posto con cocktail fantastici (sicuri come il ghiaccio, Valerio può testimoniarlo), provate Leaf and Vine. I prezzi sono più alti della media di Arugam, ma comunque paragonabili a una cena modesta in Italia, non ve ne pentirete.


Quarta tappa: Ella e il famoso treno per Nuwara Eliya

Se andate in Sri Lanka non potete perdervi il famoso viaggio in treno che attraversa le piantagioni di tè. Noi abbiamo scelto di farlo da Ella a Nuwara Eliya, che apparentemente sembra essere la parte più mozzafiato. Abbiamo acquistato il biglietto il giorno prima alla stazione ferroviaria, scegliendo un biglietto di seconda classe. Abbiamo fatto questa scelta perché la terza classe è solitamente molto affollata. D'altra parte, la prima classe ha l'aria condizionata e, anche se questo può sembrare un vantaggio, non lo è se si vuole ammirare il panorama e scattare belle foto, dato che i finestrini non possono essere aperti.

Abbiamo alloggiato in una pensione molto carina chiamata Little Folly. Belle camere, buona colazione. Niente di speciale, ma direi che il rapporto qualità-prezzo è buono.

Suggerimento: Chiedete a un tuk-tuk di portarvi alle cascate di Rawana, dove potrete nuotare. Scendere su quella strada panoramica in tuk-tuk è stata un'avventura indimenticabile per noi.


Quinta tappa: Nuwara Elyia e le sue bellissime piantagioni di tè

L'ultima tappa, ma sicuramente non meno importante, l'abbiamo fatta in mezzo alle piantagioni di tè. Abbiamo alloggiato in un delizioso (lo so, tutti i posti che ho citato sono "deliziosi", ma cosa devo dire? Ho fatto le scelte giuste) sulle colline, piuttosto difficile da raggiungere ma con una vista mozzafiato. Si chiama Misty Mountain Villas. La nostra idea iniziale era quella di salire sul famosissimo Adam's Peak. Ovviamente non potevamo, a causa del coprifuoco. Tuttavia, il proprietario della guesthouse ci ha suggerito di andare a Horton Plains per vedere l'altrettanto famoso World's End. Ad essere sinceri, il World End in sé non era niente di speciale, se non una bella scogliera con vista, ma il parco e la passeggiata erano molto belli. L'ultimo giorno l'abbiamo trascorso in una fabbrica di tè, la Pedro Tea Estate, che mi è piaciuta particolarmente e che vi consiglio, nel caso dobbiate sceglierne una tra le tante.


Alcuni consigli generali: i soliti consigli di sicurezza, come non bere acqua non sigillata ed evitare il cibo crudo. Comprate prima di partire: spray per zanzare, creme solari, assorbenti, che sono cose molto difficili da trovare in Sri Lanka. Ma probabilmente uno dei consigli principali che vorrei darvi è quello di prenotare i vostri soggiorni nelle guesthouse! Sono un modo fantastico per entrare in contatto con le persone e le loro tradizioni. I cingalesi sono così gentili e disponibili che le parole non possono nemmeno descriverli. Abbiamo trovato una popolazione aperta al turismo, sempre sorridente e disposta ad aiutare.


Ecco una mappa di tutti i luoghi che abbiamo visitato, nel caso possa essere utile.



Xx

Giulia

31 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page