top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreGiulia M.

South-working in Cilento: le meraviglie di Scario


Scario è un piccolo borgo marinaro, frazione del comune di San Giovanni a Piro, affacciato sul bellissimo Golfo di Policastro e alle pendici del Monte Bulgheria. Il suo nome greco, Skariòs, vuol dire "piccolo cantiere navale" e non a caso, essendo il porto più attrezzato della zona.


Abbiamo avuto modo di passare due settimane (in remote-working) in questo bellissimo borgo e apprezzarne l'essenza. Ho trovato il periodo di giugno perfetto: l'acqua limpida, il clima non eccessivamente umido e la cittadina non troppo affollata ci hanno fatto letteralmenete innamorare del posto.


In questo post vi parlo di tutto ciò che più ci è piaciuto di Scario e dintorni:




COSE DA NON PERDERE


Colazione al Faro (con nuotata annessa)

Accanto al Faro di Scario, c'è un piccolo bar / lido, il Cubo Beach Bar, che è stato per noi tappa fissa per colazioni e nuotate mattutine e / o in pausa pranzo. Paesaggio meraviglioso, si respira un clima di pace già di prima mattina. Il bar ha anche un piccolo lido affianco, con accesso al mare attraverso una piccola stradina di roccia. L'accesso al mare è garantito anche se si decide di non usufruire del servizio lido; infatti, poco più in là - si trovano i famosi "cubi" di Scario, strutture - come suggerisce il nome - cuboidi, parzialmente immerse nell'acqua su cui potersi rilassare tra un bagno e l'altro.


Visita delle Spiagge del Golfo di Policastro

Chi va a Scario non può perdersi il giro delle spiagge del circondario in barca (o in canoa, ve ne parlo appena più sotto). Dal porto vi sono diverse soluzioni di taxiboat (qui una tra le svariate) che accompagnano i turisti nella visita del meraviglioso Golfo di Policastro, ricco di alte falesie che cadono a picco sul mare, grotte, calette e spiagge incontaminate (per molte di loro l'unico accesso possibile, infatti, è quello marittimo).

Noi abbiamo avuto la fortuna di poter navigare le acque del golfo e ammirare le bellezze della costa insieme alla famiglia di un caro amico di Valerio, sulla loro barca (ci tengo a ringraziarli nuovamente, se mai leggessero questo post 😊).


Siamo partiti anche noi dal porto, per poi percorrere la costa selvaggia della Masseta e dirigerci verso la Baia degli Infreschi. Prima di arrivare a destinazione, però, ci siamo fermati in una caletta, subito dopo la Spiaggia di Cala dei Morti.

Dopo aver attraccato, ci siamo immediatamente messi maschera e pinne e siamo andati ad esplorare i dintorni. I fondali erano meravigliosi. Con calma, siamo arrivati a nuoto verso una grotta, nella quale è possibile entrare facendo una piccola immersione sott'acqua - è stato molto suggestivo ed emozionante.


Noleggiare una Canoa

Se volete davvero vivere qualche ora completamente immersi nella natura, ascoltando solo il rumore del mare e ammirando le bellezze del Cilento, dovete assolutamente noleggiare una canoa e avventurarvi verso le spiagge del golfo. A Scario, sul lungomare - proprio accanto al porto - è possibile noleggiare canoe a uno o due posti. Per la nostra prima "gita" in canoa abbiamo deciso di affittarne due da due posti. In circa 15/20 minuti siamo arrivati alla Spiaggia della Molara (ve ne parlo meglio un po' più sotto) che, a quell'ora - verso le 19:30 - era completamente deserta, una vera meraviglia.


L'ultimo giorno, invece, io e Valerio abbiamo deciso - con una canoa ben più robusta e professionale - di dirigerci verso la meravigliosa Spiaggia dei Gabbiani. Non è stata una passeggiata, devo essere sincera, ma andare in canoa ci ha permesso di trattenerci un po' più a lungo per ammirare la bellezza incontaminata del posto - anche perché tutte le altre persone presenti erano nel frattempo andate via con l'ultimo taxiboat di passaggio. La Spiaggia dei Gabbiani, infatti, è una delle tante spiagge in cui poter arrivare solo via mare. In ogni caso, che sia in canoa o tramite barca, vi consigliamo davvero di andarci. Noi siamo arrivati lì dopo pranzo e la luce creava un gioco di colore sull'acqua incredibile, mostrando lo splendido fondale anche a parecchi metri di profondità. Sicuramente una delle spiagge più belle mai viste!


Passeggiata verso la Spiaggia della Molara

In foto: un esemplare di Valerio che cerca di farmi comprendere una delle leggi fisico-aerospaziali che stanno dietro ai droni ad ala battente


Un altro posto meraviglioso, da raggiungere in canoa - come anticipato prima - o a piedi attraverso una bellissima passeggiata, è la Spiaggia della Molara. Si parte da Scario e si cammina per circa 20-30 minuti su un sentiero ben segnalato. L'andata è molto piacevole, immersi nella natura e con scorci incredibili. Il ritorno un po' più faticoso, dovendo poi risalire degli scalini abbastanza ripidi (consiglio scarpe da ginnastica!). Il paesaggio, però, ne vale assolutamente la fatica. La spiaggia è molto pulita e l'acqua è cristallina; essendo il posto completamente immerso nella natura, sono assolutamente da portare acqua e cibo.

Unica pecca, forse, le barche private attraccate un po' troppo vicine alla costa che rovinano il paesaggio.


Gita a Maratea e Caletta della Grotta della Scala

Se avete tempo e volete esplorare anche i dintorni del Cilento, ne potete approfittare per visitare il bellissimo borgo di Maratea (già in Basilicata, ma sempre appartenente ai comuni del Golfo di Policastro) - famosissimo per il suo Cristo Redentore. Il borgo sorge su uno sperone affacciato sul Mar Tirreno ed è ricco di piccole viuzze, locali e negozi caratteristici. La cucina è sia di mare che di terra; noi abbiamo scelto il ristorante La Perla per cenare e devo dire che non abbiamo affatto sbagliato. Purtroppo non ho foto di Maratea, dunque non vi resta che fidarvi delle nostre parole.

Lungo la strada per Maratea, all'altezza del comune di Acquafredda, c'è una meravigliosa caletta, la Caletta della Spiaggia della Grotta. Una piccola spiaggia raggiungibile attraverso qualche centinaia di scalini in discesa, incastonata nella montagna. Se siete di passaggio, fermatevi a fare un bagno - ne rimarrete estasiati!


MANGIARE E BERE

Per quanto riguarda il cibo, questa volta non siamo andati alla cieca né abbiamo cercato - come nostro solito - i posti con miglior rapporto qualità / prezzo sul web. Valerio è di casa a Scario - dunque abbiamo potuto beneficiare dei consigli suoi e della sua famiglia. Ad ogni modo, dopo aver provato diversi ristoranti, ce ne sono tre in particolare (due a Scario più una menzione speciale) che vorremmo consigliarvi.


La Lanterna si trova all'interno di un'area camping, per arrivarci bisogna percorrere una breve strada leggermente in salita. Questo garantisce al ristorante una vista mozzafiato sul faro di Scario e sul mare. Si mangia molto bene (scelta di pesce o pizza) - i primi sono squisiti, ma ad avermi davvero colpita sono stati i dolci, tutti fatti rigorosamente in casa. Ottimi! Quando prenotate chiedete per un tavolo in terrazza.


Se volete optare per qualcosa di leggermente meno ricercato, il Quo Vadis è il posto che fa per voi. Anche qui si mangia sia pesce che pizza, con l'aggiunta di qualche chicca sud-americana. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla pizza - fantastica (ma non vi aspettate la tipica pizza napoletana!), dal loro tiramisù e dal personale molto cordiale.


Se volete invece fare un'esperienza di cena unica e indimenticabile, che racchiuda tutta la tradizione cilentana, allora dovete assolutamente prenotare un tavolo all'Osteria Tancredi a Caselle in Pittari (SA), a circa un quarto d'ora di macchina da Scario, verso l'entroterra.

Un percorso gastronomico che dura dalle 20 alle 30 portate (il tutto per 30€!), quasi tutto realizzato con ingredienti a km0 (prodotti direttamente da loro) e stagionali. Il menu varia di giorno in giorno, per cui non è possibile sapere in anticipo quali saranno le pietanze che verranno servite; ad ogni modo sono stati molto gentili ad offrirmi un'opzione senza carne su quasi tutte le portate (se avete esigenze particolari vi consiglio di avvisare con qualche giorno di anticipo in modo che possano organizzarsi al meglio). Ho trovato davvero notevole (e lodevole) l'utilizzo delle verdure, protagoniste indiscusse della cena - insieme ovviamente a salumi e ragù di cinghiale, che, a detta di tutti gli altri ragazzi, erano anch'essi incredibilmente buoni.


Per bere degli ottimi drink, invece, non possiamo non suggerirvi il Vinile, ottima la loro selezione di gin e buonissimi anche tutti gli altri cocktail che abbiamo assaggiato. Offre anche un (rinomato) servizio cucina, con piatti abbastanza ricercati.


DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO

Come accennavo prima, Valerio e la sua famiglia sono di casa a Scario, perciò noi abbiamo avuto la possibilità di alloggiare nel loro buen ritiro. Una mansarda carinissima all'inizio della marina del paese, che si affaccia direttamente sul mare. Piccina, ma con tutto l'essenziale - parva sed apta mihi - e con cinque posti letto. Durante le due settimane di remote-working avevo trovato il mio habitat sul tavolo della cucina, difronte alla finestrella che si affaccia sul mare. Sembra davvero un quadro, se non fosse per il fatto che ogni tanto passano di lì barche a vela e canoe dirette verso le spiagge del golfo.

Un enorme vantaggio per noi è stata la velocità del Wi-Fi, che ci ha permesso di lavorare tranquillamente in quattro persone, costantemente connesse (che, grazie alla fibra, ha raggiunto i 750Mbps in download!).

La casa è libera da fine agosto e può essere affittata - se siete interessati vi lascio qui il link diretto per mettervi in contatto (tramite Messenger) e chiedere qualche info in più!


Qualche consiglio in più

  • Mozzarelle, mangiatene tutti: la Campania, lo sappiamo tutti, è la patria delle mozzarelle di bufala. Qui a Scario ne troverete di ogni tipo, tutte buonissime. Non fatevele scappare!

  • Scarpe da roccia: il paesaggio di Scario, come avete potuto vedere dalle foto, è un paesaggio prevalentemente roccioso. Scarpette da roccia sono super consigliate

  • Se cercate movida, andate a Sapri: nonostante Scario sia molto piacevole la sera - la vera "festa" è sul lungomare di Sapri, dove troverete lidi lungo la spiaggia con musica fino a tardi

  • Fate un salto da Iannuzzi moda: un negozio di abbigliamento e scarpe ricco di sorprese. Famosissime le loro camicie di lino (ne hanno di ogni modello / colore!)



Un grazie speciale alla crew ❤




Photo Credits: Riccardo Banfi (IG: @bans.92), Pier (IG: @pierf_lsp) e Valerio Scalcerle. Bravissimi fotografi, bellissimi gnocchi fritti e fantastici compagni di viaggio <3


Video Credits: Non detengo alcun diritto d'autore sul video pubblicato in questo post.



Xx


Giulia

267 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page