top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreGiulia M.

5 cose da non perdere a Varsavia

Come forse qualcuno di voi sa, mia sorella si trova a Varsavia, per fare i suoi sei mesi di Erasmus (tale sorella, tale sorella :) ).

Potevo dunque io non approfittare per andarla a trovare ed esplorare una città in cui non ero ancora mai stata? Direi di no!

E, gente, forse sono partita un po' prevenuta - ma sicuramente non mi aspettavo di trovare una città così bella. Una capitale comoda da girare, dove l'antico e il moderno si fondono dando vita ad un vero e proprio capolavoro.


Vi lascio quindi qui di seguito 5 cose da non perdere nella meravigliosa città di Varsavia - più due bonus, perché se lo meritano.


  1. Perdersi nelle strade della Città Vecchia

  2. Visitare il Castello Reale

  3. Scoprire la parte moderna della città

  4. Fare un salto al Palazzo della Cultura e della Scienza

  5. Mangiare locale e assaggiare i Pierogi


Perdersi nelle strade della Città Vecchia

Non sei stato davvero a Varsavia se non hai passeggiato almeno una volta per le strade della Città Vecchia (Stare Miasto). Un piccolo gioiello nel centro storico, che - ho scoperto - fu distrutto quasi completamente dalla follia di Hitler, ricostruito durante il secolo scorso e dichiarato Patrimonio dell'UNESCO nel 1980. Noi siamo partite con la visita dalla splendida Piazza Castello, per poi addentrarci verso le vie centrali che portano alla Piazza del Mercato (personalmente una delle piazze più belle mai viste, dove ogni casa che vi si affaccia è ricca di decorazioni esterne di una incredibile bellezza). Vi consiglio assolutamente di prendervi del tempo per visitare a piedi (o in bici) le viuzze della Città Vecchia e perdervi tra un ristorante tipico e un negozio di oggetti artigianali locali.


Visitare il Castello Reale (Giardini compresi)

Piazza Castello prende ovviamente il nome dal Castello Reale che vi si affaccia e a cui io e mia sorella abbiamo deciso di dedicare un paio di ore di esplorazione. Non conoscendo molto la storia della città, devo dire che ho molto apprezzato la visita, la quale si è poi conclusa con un salto anche ai giardini, alle spalle del Castello. Noi siamo riuscite tranquillamente a prendere il biglietto il giorno stesso in biglietteria, al costo di circa 7/8€. Nel caso, però, voleste anticiparvi e acquistare il biglietto online, potete farlo direttamente dal sito ufficiale del castello.


Scoprire la parte moderna della città

A circa 30 minuti a piedi dalla Città Vecchia, verso sud ovest, si erge imponente il cuore moderno di Varsavia (Śródmieście Północne); è stato davvero interessante per me passare, nel giro di così poco tempo, da un panorama caratteristico, con uno stile antico, ad un paesaggio completamente diverso, ricco di grandi palazzi e uffici dallo stile ultra moderno. Una delle strutture più caratteristiche della zona è il famosissimo centro commerciale Złote Tarasy, una struttura realizzata nel 2007 e ricoperta da un tetto ondulato in vetro - ricca di negozi ma anche molto affascinante dal punto di vista architettonico. Lo so, sembra strano raccomandare la visita di un centro commerciale, ma credo sia un buon esempio del connubio tra antico e moderno che si evince da questa bellissima città.


Fare un salto al Palazzo della Cultura e della Scienza

All' interno della zona moderna di Varsavia spicca imponente il Palazzo della Cultura e della Scienza, un altro stop per me assolutamente immancabile. Visitare il palazzo da fuori è già suggestivo in sé, ma è anche possibile - al costo di circa 5€ - salire sulla sua terrazza panoramica, posta all'ultimo piano, e godere di una meravigliosa vista della capitale polacca dall'alto. Non vi preoccupate, per chi se lo stesse chiedendo, c'è un ascensore (velocissimo!) che vi porta fin su.


Mangiare locale e assaggiare i Pierogi

Potevo non inserire del cibo in questo post?

Parte integrante di un viaggio è esplorare la cucina locale; io e mia sorella ci siamo catapultate infatti in uno dei ristoranti tipici di Varsavia, Zapiecek (è una catena, ne trovate diversi sparsi per la città), per assaggiare i piatti più caratteristici. Il prezzo medio devo dire è più alto di altri ristoranti polacchi, forse più improntato su una clientela di turisti, ma comunque su un livello abbastanza economico se paragonato ai ristoranti in Italia. Inizialmente temevo non ci fossero molte opzioni senza carne, e invece tutto ciò che fosse vegetariano era - con mio grande stupore e felicità - ben segnalato sul menù. Ci siamo dunque date alle zuppe tipiche, agli gnocchi (?!), ma SOPRATTUTTO, ai pierogi - ravioli tipici della cucina polacca che vengono serviti in tutte le salse (letteralmente); verdure, carne, pesce e, addirittura, dolci ricoperti di marmellata e zucchero a velo. Non potete tornare a casa senza provarli!



Bonus


Passeggiata nel parco

Varsavia è una città incredibilmente verde. Purtroppo - oltre la prima giornata di sole - siamo state un po' sfortunate con il meteo, quindi non siamo riuscite a fare molte passeggiate immerse nel verde. Mi sono quindi fatta inviare alcune foto da mia sorella e dai suoi amici (grazie Alice e Federico 1) per gli scatti meravigliosi 2) per avermi invitata alla vostra festa e fatta sentire come se fossi una di voi, Gen Z 😊), come prova di quanto siano belli i parchi di questa città. Il più bello - a quanto pare - è il Parco Łazienki.


Assaggiare cibo vegano

Non potevo non menzionare questo INCREDIBILE ristorante plant-based, chiamato Vege Miasto e scoperto assolutamente casualmente vicino casa di mia sorella. Cucina vegana rivista in versione polacca, super economico e buonissimo. Per un piatto principale + zuppa (Y U M M Y !) + acqua abbiamo pagato solo 7€. Se cercate quindi del cibo vegetale o, semplicemente siete curiosi di provare, non lasciatevelo scappare.



Ringraziamenti vari: questa volta uno solo, a mia sorella Michela. Che ha la pazienza di sopportarmi da 21 anni. Anzi no, due. Grazie anche a me, che ho la pazienza di sopportarla esattamente dallo stesso tempo. Tvb <3


Xx


Giulia

111 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page